Blog

Promozione online: banner sì o no?

Ogni agenzia web marketing che si rispetti sa, o per lo meno dovrebbe pretendere di sapere, che ci sono banner che ci colpiscono di più e altri che ci lasciano del tutto indifferenti. Parlando di numeri allora, quanti click portano in realtà i banner? La risposta è semplice, lapidaria e allo stesso tempo drammatica:sempre meno!

Basta osservare le statistiche dal 1997 ad oggi:

nel 1997 il 2% delle persone cliccava sui banner
nel 2001 lo 0,5% delle persone cliccava sui banner
nel 2008 solo lo 0,1% (uno su mille!) cliccava sui banner
(fonte IAB US / Doubleclick)

Cosa salta subito agli occhi dai numeri? Che il banner come strumento che genera click sta subendo un calo ed i motivi ormai li conosciamo (sovraffollamento dei banner sui siti, cecità ai banner, e via dicendo). Il vero quesito allora è: come si valuta l’efficacia di una campagna banner? Dipende, ma da cosa?

In linea di massima dipende dall’obiettivo che ci siamo prefissi della campagna: storicamente il banner nasce come strumento display, cioè nasce per essere visto,  non cliccato. In rete infatti il banner è il principale strumento per promuovere il brand e l’immagine dell’azienda.

E’ vero che il metodo pay per click permette all’azienda di pagare solo quando il banner è cliccato ma di fatto un banner è un banner = comunicazione visuale. C’è anzi chi sostiene che non dovrebbero nemmeno offrire la possibilità di essere cliccati!

Quindi prima di avviare una campagna basata sui click e sui risultati, occorre la stesura di un piano che preveda l’utilizzo di altri strumenti oltre ai banner: i motori di ricerca e i social network. Perché?

Dai banner alla ricerca

Una strategia integrata impiegano dapprima strumenti display (come il banner) per creare valore, curiosità, notizia, attesa intorno ad un prodotto o ad un marchio, in seguito il pubblico può “saziare” la propria fame di informazione andando sui motori di ricerca o sui social network, dove poi verrà a contatto con il prodotto e l’azienda.

Quindi il banner non è più la “panacea” della pubblicità web, ma sicuramente è uno strumento di cui tenere conto nel proprio piano di comunicazione in abbinamento ad altri strumenti, cioè quando esiste una strategia di visibilità.